PIOGGIA e SICCITA’: ecco quando potrebbe sbloccarsi la situazione!

Da parecchio tempo non si assisteva ad un periodo favorevole agli anticicloni così prolungato e dannoso per il nostro Paese. Nonostante i fiumi in secca e i laghi in palese deficit idrico, la vegetazione sino a fine marzo non soffre molto la mancanza d’acqua, ma da aprile, se non arrivassero le piogge, le cose potrebbero drasticamente aggravarsi.
                                

La domanda nasce allora spontanea: si vede la fine di questa inquietante situazione?
Sino al termine del mese di marzo la risposta è negativa, punto.
Lo dicono a chiare lettere tutti i principali modelli matematici di nostra consultazione. Lasciate perdere la fase fredda tra martedì 26 e giovedì 28; essa lascerà, è proprio il caso di dirlo, il tempo che trova.

Guardate la disarmante evidenza che deriva dall’osservazione comparata della configurazione barica prevista per la fine del mese sull’Europa, rispettivamente da parte del modello europeo, americano, canadese. Tutti vedono l’alta pressione primeggiare quasi senza avversari su gran parte del settore centrale e meridionale del Continente, eccezion fatta per un’azione fredda sull’est europeo che potrà marginalmente coinvolgere le nostre regioni meridionali, ma nulla più.

Analisi in quota e al suolo del modello europeo per sabato 30 marzo: solo tanta alta pressione sull’Europa; disturbi freddi sul meridione con qualche nota di instabilità, ma nulla di più.
                                

Analisi in quota e al suolo del modello americano per sabato 30 marzo: situazione quasi identica all’europeo, ma con maggiore stabilità anche al sud.
                                

Analisi in quota e al suolo del modello canadese per sabato 30 marzo: situazione fotocopia rispetto al modello americano: niente pioggia, tanta alta pressione.
                               

E quando usciremo da questo impasse? Forse nel corso della prima decade di aprile, ma solo un modello su tre segnala un vero cambiamento del tempo entro il 5-6 del prossimo mese; è quello canadese, che mostra una saccatura convinta da ovest abbracciare il nord Italia e le regioni centrali tirreniche portando piogge finalmente di una certa rilevanza, ma la sua attendibilità, vista la ritrosia degli altri due colleghi, non supera il 25-30%.

Analisi in quota e al suolo del modello canadese per il 6 aprile: cambiamenti in vista?
                             
 

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI nazionali confronto DOPPIO passa qui
Per le SUPER PREVISIONI METEO in Italia confronto QUADRUPLO seleziona qui
Per le previsioni del tempo del globo seleziona qui
Per le previsioni meteo europee passa qui
Per le previsioni meteo nazionali clicca qui
Per le previsioni meteo della tua regione passa qui
Per le previsioni meteo televisive clicca qui
Per le previsioni del tempo sui mari passa qui
Per l’altezza della neve clicca qui

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

 

Questi tipi di cartine sono piuttosto tecnici e quindi generalmente focalizzato su il più esperto.

I principali input dai servizi meteorologici nazionali sono le osservazioni di superficie dalle stazioni meteorologiche automatiche al livello base e dalle boe meteorologiche in mare.

Le previsioni del tempo sarebbe l’applicazione dell’uso di tecnologia per predire lo stato dell’atmosfera a altro tempo e luogo.

Le frecce di colore scuro sono l’aria più fredda che arriva dal nord, che causa una vasta nevicata.

Nord : Nuvolosità e piogge in transito da ovest a est specialmente dal tardo pomeriggio. Neve da 1700 m. Miglioramento in serata per il Nord-Ovest.

Temperature in aumento, massime fra quattordici e 14.

Per il nord-est: Sparse atmosfera con considerevoli schiarite nelle pianure venete e nelle Dolomiti, Sereno in altri luoghi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*