Protezione Civile, allerta meteo sino a ROSSA



La Protezione Civile ha diffuso un’allerta meteo per molte zone d’Italia, questo sino ad un livello molto elevato.

L’allerta meteo è emessa con livello Rossa nella Sicilia Nord-Occidentale le isole Egadi e Ustica, Sud-Occidentale e isola di Pantelleria, Centro-Del sud e isole Pelagie

L’allerta meteo arancione è diffusa per una parte molto ampia del territorio italiano.



Il CENTRO FUNZIONALE CENTRALE
assunte le criticità comunicate dai Centri Funzionali Decentrati di tutte le Aree e Province autonome
EMETTE IL PRESENTE BOLLETTINO DI CRITICITÀ NAZIONALE/ALLERTA
Per il giorno di domani, Sabato 3 novembre 2018:

ELEVATA CRITICITA’ PER RISCHIO IDRAULICO / ALLERTA ROSSA:
Sicilia: Nord-Occidentale e isole Egadi e Ustica, Sud-Occidentale e isola di Pantelleria, Centro-Del sud e isole Pelagie

ELEVATA CRITICITA’ PER RISCHIO IDROGEOLOGICO / ALLERTA ROSSA:
Sicilia: Nord-Occidentale e isole Egadi e Ustica, Sud-Occidentale e isola di Pantelleria, Centro-Del sud e isole Pelagie

MODERATA CRITICITA’ PER RISCHIO IDRAULICO / ALLERTA ARANCIONE:
Emilia Romagna: Pianura emiliana orientale e costa Ferrarese, Pianura emiliana del centro
Lazio: Aniene, Bacino del Liri, Bacini Costieri Sud, Appennino di Rieti, Roma, Bacino Medio Tevere, Bacini Costieri Nord
Sicilia: Sud-Orientale, settore ionico, Nord-Orientale, settore ionico, Nord-Orientale, settore tirrenico e isole Eolie, Centro-Del nord, settore tirrenico, Sud-Orientale, settore Stretto di Sicilia, Bacino del Fiume Simeto
Veneto: Po, Fissero-Tartaro-Canalbianco e Basso Adige

MODERATA CRITICITA’ PER RISCHIO TEMPORALI / ALLERTA ARANCIONE:
Lazio: Aniene, Bacino del Liri, Bacini Costieri Sud, Appennino di Rieti, Roma, Bacino Medio Tevere, Bacini Costieri Nord
Sicilia: Sud-Orientale, settore ionico, Nord-Orientale, settore ionico, Nord-Orientale, settore tirrenico e isole Eolie, Centro-Del nord, settore tirrenico, Nord-Occidentale e isole Egadi e Ustica, Sud-Occidentale e isola di Pantelleria, Centro-Del sud e isole Pelagie, Sud-Orientale, settore Stretto di Sicilia, Bacino del Fiume Simeto

MODERATA CRITICITA’ PER RISCHIO IDROGEOLOGICO / ALLERTA ARANCIONE:
Friuli Venezia Giulia: Bacino montano del Tagliamento e del Torre
Sicilia: Sud-Orientale, settore ionico, Nord-Orientale, settore ionico, Nord-Orientale, settore tirrenico e isole Eolie, Centro-Del nord, settore tirrenico, Sud-Orientale, settore Stretto di Sicilia, Bacino del Fiume Simeto
Veneto: Piave pedemontano, Alto Piave, Alto Brenta-Bacchiglione-Alpone

ORDINARIA CRITICITA’ PER RISCHIO IDRAULICO / ALLERTA GIALLA:
Emilia Romagna: Pianura e bassa collina emiliana occidentale
Molise: Alto Volturno – Medio Sangro
Sardegna: Campidano, Bacini Flumendosa – Flumineddu, Gallura, Iglesiente
Umbria: Medio Tevere, Chiani – Paglia, Alto Tevere, Nera – Corno, Trasimeno – Nestore, Chiascio – Topino
Veneto: Basso Brenta-Bacchiglione e Fratta Gorzone, Adige-Garda e montagne Lessini, Piave pedemontano, Livenza, Lemene e Tagliamento, Basso Piave, Sile e Bacino scolante in laguna, Alto Piave, Alto Brenta-Bacchiglione-Alpone

ORDINARIA CRITICITA’ PER RISCHIO TEMPORALI / ALLERTA GIALLA:
Calabria: Settore Jonico Del sud
Toscana: Etruria, Fiora e Albegna, Fiora e Albegna-Costa e Giglio, Isole, Ombrone Gr-Medio, Ombrone Gr-Costa, Etruria-Costa Nord, Etruria-Costa Sud
Umbria: Medio Tevere, Chiani – Paglia, Alto Tevere, Nera – Corno, Trasimeno – Nestore, Chiascio – Topino

ORDINARIA CRITICITA’ PER RISCHIO IDROGEOLOGICO / ALLERTA GIALLA:
Abruzzo: Bacini Tordino Vomano, Marsica, Bacino Basso del Sangro, Bacino dell’Aterno, Bacino del Pescara, Bacino Alto del Sangro
Calabria: Settore Jonico Del sud
Emilia Romagna: Bacini emiliani occidentali, Bacini emiliani del centro, Bacini romagnoli, Bacini emiliani orientali, Pianura e bassa collina emiliana occidentale
Friuli Venezia Giulia: Bacino del Livenza e del Lemene
Molise: Alto Volturno – Medio Sangro
Sardegna: Campidano, Bacini Flumendosa – Flumineddu, Gallura, Iglesiente
Toscana: Etruria, Fiora e Albegna, Fiora e Albegna-Costa e Giglio, Isole, Ombrone Gr-Medio, Ombrone Gr-Costa, Etruria-Costa Nord, Etruria-Costa Sud
Umbria: Medio Tevere, Chiani – Paglia, Alto Tevere, Nera – Corno, Trasimeno – Nestore, Chiascio – Topino
Valle d’Aosta: Catena del nord e nord-occidentale, Valgrisenche e Valdigne, Valle di Cogne, Valsavarenche e Valle di Rhemes, Valle dAosta del centro, Valle del Grande San Bernardo da Aosta a Valpelline,Valle di Saint Barthelemy e Valtournenche, Bassa Valle dAosta, dalla Gola di Montjovet a Pont-Saint-Martin, Valle del torrente Chalamy, Valle dAyas, Valle di Champorcher e Valle di Gressoney
Veneto: Basso Brenta-Bacchiglione e Fratta Gorzone, Livenza, Lemene e Tagliamento, Basso Piave, Sile e Bacino scolante in laguna

Per le Aree Sardegna e Piemonte e per la Zona Autonoma di Bolzano il bollettino riguarda solo la valutazione del rischio idrogeologico e idraulico, non essendo ancora il rischio forti rovesci oggetto di valutazione secondo le Indicazioni Operative del Capo Dipartimento de la Protezione Civile del 10 febbraio 2016.
Regione Liguria: in merito a la condizione emergenziale in atto a Genova, l’ARPAL, Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente Della liguria, emette quotidianamente per il torrente Polcevera un ‘Bollettino speciale meteo-idrologico Emergenza Ponte Morandi.

Regione Veneto: le frane del Tessina nel municipio di Chies d’Alpago e de la Busa del Cristo a Perarolo di Cadore, riattivatesi successivamente le abbondanti precipitazioni occorse ne i giorni scorsi, sono soggette a specifico controllo. Si determinata che nelle aree di allerta Vene-A Alto Piave, Vene-H Piave Pedemontano e Vene-B Alto Brenta-Bacchiglione-Alpone viene mantenuta una criticità geologica rossa localizzata e riferita a le aree interessate dai eventi franosi sovra citati e anche a la frana del Rotolon nel municipio di Recoaro, anch’essa soggetta a specifico controllo; la criticità idraulica arancione nella area di allertamento Vene-D Po, Fissero-Tartaro-CanalBianco e Basso Adige è riferita al transito del colmo di piena lungo le sezioni venete del fiume Po;

Regione Campania: le criticità indicate per oggi sono da intendersi sino a le ore 18.00;
Regione Lombardia: per il giorno di domani si prevede un codice arancione per rischio idraulico localizzato nel tratto cremonese-mantovano del fiume Po, da le ore 13 sino a revoca;
Regione Toscana: le contenute criticità per rischio forti rovesci forti e rischio idrogeologico idraulico reticolo minore per oggi sono da intendersi sino a le ore 18.00 a seguire criticità gialla sino a le ore 08.00 di domani. Per le aree di allerta E1-Etruria ed E2-Etruria Costa Nord la criticità gialla per rischio forti rovesci forti e rischio idrogeologico idraulico reticolo minore sono da intendersi sino a lo ore 08.00 di domani;
Regione Sardegna: la criticità gialla per oggi è da intendersi sino a le ore 18.00 mentre la criticità gialla per domani è da intendersi a decorrere da le ore 18.00.

Fonte protezionecivile.gov.it

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*