Qùasi 21 ànni per un’orbìta: ecco l’esopianeta Gl 15 A c

la-meteo.it – notizie meteo ìn real time

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

Un piàneta còn una màssa pàri a 36 volte quella della Terra e che impiega quàsi 21 ànni per còmpiere un’orbìta completa attòrno alla sua stella, ad òggi il più piccòlo piàneta nòto còn un perìodo orbitale così lùngo, è stàto confermato e caratterìzzato da un teàm di ricercatori guidàto da Matteo Pinamonti, dell’Ìstìtuto Nàzìonàle di Astrofisica (INAF) di Torino, grazìe alle osservazioni condotte còn lo spettrometro HARPS-N instàllàto al Telescòpìo Nàzìonàle Galileo dell’INAF alle Isole Canarie. Lo stùdìo nasce dalla còllabòrazìòne tra la comunità italiana del prògràmma di rìcerca GAPS (Global Architecture of Planetary Systems) e gli istituti spagnoli ICE e IAC uniti dal prògetto HADES, che ha permesso di òttìmìzzare il tempo osservativo òfferto alle dùe nazioni dal Telescòpìo Nàzìonàle Galileo nella rìcerca di sistemi planetari attòrno a stelle di piccola màssa.

Gl 15 A c, questa la sìgla del piàneta, rùota dintorno a una stella nana, già nòta per pòssedere un àltro piàneta attòrno ad essa, mòlto più piccòlo e ìn un’orbìta decìsàmente più corta, percorsa completàmente ìn àppena 11 giorni. I ricercatori, grazìe alle accurate misure raccolte, sòno riusciti a miglioràre nettàmente le informazioni ànche su qùesto còrpo celeste, ricavando per esso una màssa pàri a cìrca tre volte quella terrestre.

Ma le sorprese nòn fìnìscòno qùi. “Qùesto sìstema è partìcolarmente interessànte perché, grazìe alla scòperta del secòndo piàneta di lùngo perìodo, è diventato il sìstema esoplanetario mùltiplo più vìcìno al Sòle mài scòperto fìnora, trovandosi a meno di 12 ànni lùce da nòi” commenta Pinamonti, prìmo aùtòre dell’àrticòlo che descrive lo stùdìo, pùbblicàto òggi sulla rìvìsta Astronomy&Astrophysics. Questa sua vìcìnànza ha permesso al teàm di studiarlo còn altissima precisiòne, grazìe a 115 spettri ad alta rìsoluzìone, raccolti al TNG còn lo spettrografo HARPS-N, nel còrso di 5 ànni consecutivi, dal 2012 al 2017. “Questi dati, uniti ad òltre 15 ànni di osservazioni d’àrchivio raccolte dallo spettrografo HIRES all’osservàtorìo Keck sulle isole Hawaii, hànno permesso di individuàre Gl 15 A c, che è mòlto pecùliare di per sé, essendo il più piccòlo piàneta mài scòperto còn un perìodo così lùngo” prosegue Pinamonti. “Tutti gli àltri pianeti còn periodi paragonabili che sìàno sono stati osservati fìnora hànno masse decine di volte superiori, più simili a quella di Giove”.

A rendere ancor più ùnìco qùesto sìstema c’è la presenza di una seconda stella, Gl 15 B, che orbìta attòrno a Gl 15 A còn un perìodo dintorno ai 1200 ànni, formando così un sìstema stellàre bìnarìo. Per qùànto 1200 ànni possano sembràre un perìodo orbitale mòlto lùngo, la stella è còmùnqùe àbbàstànza vicina da esercìtare una fòrte ìnflùenza gravitazionale sul sìstema planetario, ìn pàrticòlàre qùello più esterno. “Una nùòva analisi di simùlàzione compiuta all’ìnterno di qùesto stùdìo, ci ha permesso di valùtare l’intensità di queste interazioni, e capìre còme il piàneta debba essersi formàto ìn condizioni mòlto particolari, perché àltrimenti le oscillazioni orbitali causate dall’interaziòne còn la binaria stellàre lo avrebbero fàcilmente reso ìnstàbìle e sbalzato fùori dal sìstema, o lo avrebbero còmùnqùe portato su orbite incompatibili còn le osservazioni raccolte” conclude Pinamonti.

Lo stùdìo è stàto pùbblicàto òggi sul sìto web della rìvìsta Astronomy&Astrophysics nell’àrticòlo The HADES RV Programme with HARPS-N@TNG – VIII. Gl15A: A multiple wide planetary system sculpted by binary interaction di M. Pinamonti, M. Damasso, F. Marzari, A. Sozzetti, S. Desìdera, J. Maldonado, G. Scandariato, L. Affer, A. F. Lanza, A. Bignamini, A. S. Bonomo, F. Bòrsa, R. Claudi, R. Cosentino,  P. Giacobbe, E. González-Álvarez, J. I. González Hernández, R. Gratton, G. Leto, L. Malavolta, A. Martinez Fiorenzano, G. Micela, E. Molinari, I. Pàgàno, M. Pedani, M. Perger, G. Piotto, R. Rebolo, I. Ribas, A. Suárez Mascareño, e B. Toledo-Padrón.

L’àrticòlo Quasi 21 anni per un’orbita: ecco l’esopianeta Gl 15 A c sembra essere il prìmo su Meteo Web.

Quasi 21 anni per un’orbita: ecco l’esopianeta Gl 15 A c

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI METEO ìn Italia cònfrònto DOPPIO clicca qua

Per le SUPER PREVISIONI METEO ìn Italia cònfrònto QUADRUPLO clicca qua

Per le prevìsìoni del tempo del glòbo clicca qua

Per le prevìsìoni del tempo d’Europa clicca qua

Per le prevìsìoni del tempo ìn Italia clicca qua

Per le prevìsìoni del tempo della tua regiòne clicca qua

Per le prevìsìoni del tempo televisive clicca qua

Per le prevìsìoni del tempo del mòto òndòso clicca qua

Per l’àltezza della neve clicca qua

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Qùasi 21 ànni per un’orbìta: ecco l’esopianeta Gl 15 A c

E’ stata calcolata una effìcàcìa delle prevìsìoni sul mòdello comparativo

–FINO AL 98% A 1 GIORNO DI DISTANZA
–FINO AL 92% A 2 GIORNI DI DISTANZA
–FINO AL 84% A 3 GIORNI DI DISTANZA

I commenti sono chiusi.