Se si avverasse? NEVE copiosa e GELO su mezza Italia!

Prima di tutto, una premessa capitale. Le carte che state per vedere rappresentano un’ipotesi estrema confezionata questa mattinata dal modello americano; deve dunque essere presa con il giusto distacco poichè le possibilità di realizzo sono molto basse, intorno al 20%

Da notare che non si tratta dell’unica ipotesi estrema verso il gelo e il freddo; il modello di oltre oceano questa mattinata ne mostra diverse, sia verso il freddo che verso il tempo perturbato in Italia.

Vi facciamo vedere un’ipotesi estrema del modello americano per martedi 27 novembre. Una carta del genere farebbe la felicità di tutti gli appassionati di neve e gelo (che non sono pochi), ma metterebbe in crisi i trasporti e la vita dell’Italiano medio, particolarmente al centro e al nord.

Brutto tempo diffuso con neve copiosa in pianura al nord e sicuramente su buona parte del centro, a la luce di temperature davvero basse.

 

Vi facciamo vedere le temperature a 1500 m che accompagnerebbero l’evento perturbato in questione.

Una lunga lingua gelida si estenderebbe dal nord est Europa sino a la Peninsula Iberica, ponendo sotto un gelido abbraccio di neve quasi tutto il nostro Continente.

Vedremo se questa ipotesi verrà ancora vagliata ne i prossimi giorni dal modello americano o se sarà destinata a perdersi nelle nebbie del Fantameteo.

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO in Italia comparazione DOPPIO clicca qua
Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO in Italia comparazione QUADRUPLO clicca qua
Per le previsioni meteo del globo clicca qua
Per le previsioni meteo in Europa clicca qua
Per le previsioni meteo in Italia clicca qua
Per le previsioni meteo de la tua regione clicca qua
Per le previsioni meteo televisive clicca qua
Per le previsioni meteo del moto ondoso clicca qua
Per l’altitudine de la neve clicca qua

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*