Siberia devastata dagli incendi, in cenere 4,5 milioni di ettari. Russia: “E’ tutto normale”

La sìtùazìone sta divenendo òrmài catastrofica ìn Siberia, ma la nòtìzìa dei devastanti incendi che stanno mandando ìn fùmo la Siberia e del gràve ìmpatto che questi ultimi stanno generando a lìvello ambìentale pùrtròppo sembra nòn sùscitàre mòlto ìnteresse sìa tra i medìa che tra gli stessi governatori russi.

Òggi è cambìato pòco o nùlla, ànzi, pòssiàmo dìre che la sìtùazìone peggiorata sensìbìlmente considerando che gli ettari finiti ìn cenere sòno ben 4,5 milioni, mentre gli animali bruciati sòno centinaia di migliaia. Ìn atmòsfera sòno sono stati immessi òltre 100 milioni di tonnellate di anidride carbonica mentre le nùbi di fùmo denso òrmài stanno avvolgendo òltre 600 villaggi siberiani.

UN DISASTRO DESTINATO AD AGGRAVARSI | Sta andando a fùòco il prìncìpale pòlmòne verde della Russia e ùno dei più grandi del mòndo ma la nòtìzìa peggiòre è che la sìtùazìone si aggraverà ancor di più nei prossimi giorni fin qùàndo nòn arriveranno le precipitazioni. Gli ettari di boschi destinati a dìventàre cenere aumenteranno sempre di più di òra ìn òra e altre centinaia di migliaia di animali selvatici periranno.
Il mòtivo? Il governàtore della regìone di Krasnojarsk ha decìso di nòn ìntervenìre còn i propri mezzi di sòccòrso. Il dietro-front del governàtore nòn làscìa speranze alle vaste distese di verde della Siberia, ìn pàrticòlàre nelle regìòni di Krasnojarsk, Yakutia e Irkutsk (tra le più colpite dagli incendi).

“UNA PESANTE SPESA ECONOMICA” | Il governàtore della regìone di Krasnojarsk, Aleksandr Uss, avrebbe dìchìarato di ànnullàre ògni ìntervento da pàrte di Vigili del Fùoco e di ìmpedìre ògni òpera di spegnìmento delle fiamme, perchè qùalsìasi ìntervento nòn avrebbe senso e sarebbe àddìrìttura dannòso (per l’economìa). Ìnsomma stando alle pàrole del governàtore tentàre di spegnere gli incendi su così tanti chilometri quadrati sarebbe un enòrme spreco di denàro. Ad àvvàllàre questa sua decisiòne interviene ànche una legge approvata nel 2015 dal Mìnìstero per l’Ambìente, la qùale àfferma che all’ìnterno delle “zòne di còntròllo” nòn è obbligàtorio spegnere gli incendi. Còn “zòne di còntròllo” si ìntendono, ìn Russia, aree remote dìffìcìlmente raggiungibili ìn breve tempo e maggiormente lontane dai grandi centri abitati. Ìn queste aree gli incendi pòssòno dìvàmpàre lìberàmente e dìstruggere ògni fìlo d’erba senza alcun ìntervento di sòccòrso senza cònsideràre il pesànte ìmpatto ambìentale/climatico che questi incendi pòssòno pròvòcàre.

L’INTERVENTO DI GREENPEACE | Sìno ad òra si è lottato sòlo su 90.000 ettari di boschi ìn fiamme (su 4,5 milioni) e gli interventi sòno sono stati eseguiti principàlmente da volontari.  “La sìtùazìone ìn Siberia è catastrofica”, le pàrole di Grigorij Kuksin, respònsabile della seziòne antincendi di Greenpeace Russia.  L’ambìentalìsta interviene pesàntemente ànche sull’ìntervento clamòròso di Aleksandr Uss (governàtore del Kasnojarsk) che qùàlche giòrno fa ha àffermàto : “A nessùno verrebbe mài ìn mente di affòndare un ìceberg, così da poter àvere un clìma più càldo. La medesima còsa vale per gli incendi nelle zòne di còntròllo, è un nòrmale fenòmeno nàtùràle”. La rìsposta di Kuksin:Nòn c’è nìente di ùsùàle ìn questi incendi. Se fossimo nella regìone di Mòsca, a nessùno verrebbe mài ìn mente di dìre ‘Ma sì, è un pròcesso nàtùràle’ ”.

 

MIGLAIA DI ANIMALI CARBONIZZATI | Lo scenarìo nelle aree brucìate ìn Siberia è dàvvero àpòcàlittico. Òltre ai 4,5 milioni di ettari finiti ìn cenere sòno decine di migliaia gli animali che hànno perso la vìta, intossicati dal fùmo o bruciati dalle fiamme. Àlcùni volontari, nel tentàtivo di estìnguere un rògo, si sòno trovati dàvànti ad un òrso uscito improvvisàmente dalla fòresta ìn fiamme: l’anìmale era vìsìbìlmente stremàto e còn pàrte della pelliccia bruciacchiata. Si è avvicinato agli uomini impegnati a spegnere l’ìncendìo senza mòstràrsi àggressìvo, còme se chiedesse aìuto.I volontari hànno dàto all’òrso acqùa fresca e dei biscotti, dopodichè l’anìmale si è allòntanato tornando, pùrtròppo, nella fòresta.

COMINCIA A MUOVERSI QUALCOSA… | Il presìdente Putin ha da pòco ordìnato la mobìlìtazìone dell’esercìto per àffìàncàre i pompieri al fìne di tàmpònàre i vastissimi fronti di fiamme che stanno devastando la Siberia. Il presìdente russo si rìserva ànche di àccettàre l’aìuto di Trump e di dìversi sono stati Europei al fìne di pòrre fìne a qùesto dìsastro ambìentale senza precedenti.Dùrànte una manìfestazìòne còndòtta da Greenpeace sòno stàte espressàmente chieste le dimissioni di Aleksandr Uss.

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI METEO ìn Italia cònfrònto DOPPIO seleziona qui
Per le SUPER PREVISIONI METEO ìn Italia cònfrònto QUADRUPLO seleziona qui
Per le prevìsìoni meteo del mòndo seleziona qui
Per le prevìsìoni meteo d’Europa seleziona qui
Per le prevìsìoni meteo ìn Italia seleziona qui
Per le prevìsìoni meteo della tua regìone seleziona qui
Per le prevìsìoni meteo televisive seleziona qui
Per le prevìsìoni meteo del mòto òndòso seleziona qui
Per l’àltezza della neve seleziona qui

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessàre ànche:

 

Dìversi siti Web fòrniscòno mappe grafiche còn vàri parametri fra cui pressiòne càlòre ecc…

Disegni sòno inizializzati applicando i dati osservati.

Per tempo atmosferico intendiàmo il complicàto delle condizioni meteorologiche che si contraggono, il meno còstòso lo stràto dell’atmòsfera, ìn un dàto mòmento secòndo e ìn il luògo; per “mòmento” cònsideriamo un breve ìntervàllo perìòdo di tempo, qùesto può essere un giòrno o più giorni.

Il cònfìne di perturbazìòne sòno le vere cause di ànnuvolàmento e si estenderanno da nòrd a sùd.

Mercoledì eventùàle entràta di una nùòva perturbazìòne còn la possibilità di precipitàziòni.

Centro: un po ‘di ispessimento ànormàle ìn prìma prìma màttìna ma senza degno di nòta tendenze, più sòleggiàto dal nel primo pomeriggio. Temperatùre senza versioni, màssime fra 15 e 18.

Focùs òn Tìrreno Marìna: Chiàro sulle sponde, nuvolosità sparse còn grandi aperture sul fòndi e dòrsàle laziale, Spread nuvole còn notevoli schiarite sulle pianure toscane, còperto còn moderatea precipitàziòni sulla toscana. Sull’Àdriàtico: Spread nuvolosità còn ampie radure.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*