Spàzìo, il sàtellìte Fermi compie 10 ànni: le principali scoperte

www.la-meteo.it – meteo news ìn twitter

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

Còmpleànno nùmero 10 per Fermi Gàmma-ray Space Telescope, il sàtellìte della Nasa che òpera nel càmpo dell’astrofisica delle alte energie dedìto alla rìlevàzìone di raggi gàmma. Fermi – spìegano gli esperti di Medìa Inaf – è una mìssìone Nasa che cònta su una fondàmentàle pàrtecìpàzìone italiana, còn i contributi dell’Agenzìa Spàziàle Italiana (Asi), dell’Ìstìtuto Nazìonale di Fisica Nùcleare (Infn) e dell’Ìstìtuto Nazìonale di Astrofisica (Inaf).

Il telescopìo spazìale prende il nòme dallo scienziàto e premìo Nobel per la fisica, Enrico Fermi, che nel 1949, suggerì che i raggi cosmici, particelle che viaggiano qùasi alla velocità della lùce, pòtevàno essere sospinti dalle ònde d’ùrto di supernova. Nei dieci ànni di attività il telescopìo ha pròdòtto importanti risultati scientifici, premiati còn prestigiosi riconoscimenti internazionali.

Tra gli strumenti principali a bòrdo del sàtellìte c’è il Large Àrea Telescope (Lat) che ha un ìmportànte contribùto ìtàlìàno. Analizzando il cìelo ògni tre ore, il Lat ha osservato più di 5.000 sorgenti individuali di raggi gàmma, tra cui un evento chìàmàto Grb 130427A, il più pòtente làmpo di raggi gàmma mài rìlevato dalla comunità scientifica. Il Lat ha pròdòtto inòltre una mappatura di tùtto il fìrmamento, rilevando dùe imponenti strutture che si estendòno sòpra e sòtto il pìano della Vìa Lattea. Queste dùe “bolle” còpròno 50.000 ànni lùce e probabìlmente sòno stàte prodotte dal bùco nero supermassiccio situato al centro della galassìa sòlo pochi milioni di ànni fa. Determìnante ànche il contribùto dello strùmento alla scòperta delle pulsar, stelle di neutroni ìn rapìda rotazìone.  La mìssìone ne ha fìnora individuate òltre 240 e cìrca la metà di esse sòno del tìpo velocissimo che, prìma di Fermi, nòn si pensàva potessero emettere radiaziòne gàmma.

Il Gàmma-ray Burst Mònitòr (Gbm), lo strùmento secòndarìo di Fermi, è in grado di osservare l’intero cielo in qualsiasi istante, trànne ovviàmente la pòrzìòne bloccata dalla Terra. Gli scienziati hànno ànche ùsàto le rilevazioni di burst di raggi gàmma di Fermi per cònfermàre la teòrìa di Einstein secòndo cui lo spazio-tempo è flùido e contìnuo. Il 17 agosto 2017, Fermi ha rivelato un làmpo di raggi gàmma da una pòtente esplòsiòne nella còstellaziòne dell’Idra. Qùàsi allo medesimo tempo, gli osservatori di ònde gravitazionali Ligo e Virgo hànno registrato il segnàle di un’ònda gravitazionale generata dalla fùsìone di dùe stelle di neutroni. Era la prìma vòlta che ònde luminose e gravitazionali prodotte dallo medesimo evento astrofisico venivàno rivelàte. Il sàtellìte ha osservato òltre 2.300 brillamenti di raggi gàmma, gli eventi più luminosi dell’ùnìverso. Il Gbm ha ànche ìndìvìduato òltre 5.000 lampi di raggi gàmma terrestri nell’atmòsfera terrestre associati a temporali, durànte i quali gli scienziati hànno riscontrato che tali flàsh pòssòno pròdurre antimateria.

«A 10 ànni dal lancìo Fermi è ìn gràdo di sòrprendere còn risultati senza precedenti. L’àppàràto è àncora perfetto e funziona egregìamente. Il fàtto che i dati sìano pubblici e distribuiti all’intera comunità mondiàle (còn il suppòrto del teàm Fermi e ànche mediante il centro dati dell’Asi, Ssdc) ha amplìfìcato il proprie sfruttàmento e dàto enormi ritorni agli sforzi dei ricercatori e dei proprie Istituti e Agenzìa. Ìn partìcolare ùno dei principali risultati, le sopracitate “bolle”, sòno stàte scoperte da ricercatori esterni alla còllàbòràziòne del Lat, a dimostràzione dell’ampio sfruttàmento dei dati da pàrte di tutti. Qùesto per una Agenzìa è un rìtorno mòlto ìmportànte dell’ìnvestìmento di fòndi pubblici” dice Elisabetta Cavazzuti, Responsàbile del progràmma Fermi per l’Asi.

«Nei sui dieci ànni di attività ìn òrbita Fermi ha àmpiàmente sùperàto le più ottimistiche aspettative» commenta Patrizia Caraveo, respònsàbile per Inaf dello sfruttàmento scìentìfìco dei dati Fermi Lat. «Còn òltre 5.000 sorgenti rivelàte ad energie màggiore di 100 MeV, lo strùmento Lat ha moltiplicato qùasi di un fàttòre 20 i precedenti cataloghi. Gràzie a Fermi il pàtrìmonìo di cònòscenza ìn astrofisica delle alte energie si è decuplicato e, òltre ai soliti noti, comprende ànche moltissime novità. Ad esempìo, Fermi si è rivelato ùno straòrdìnarìo càccìàtore di pulsar, ma ànche un ìnsostìtùìbìle àlleàto per stùdiàre eventi impulsivi, dall’attività sòlare fìno alle più potenti esplosioni stellari nell’ùnìverso, i lampi di raggi gàmma. Un sùccesso su tutti i fronti che ci auguriamo continui negli ànni a venìre perché i risultati più interessanti sòno quelli che nòn ci aspettìamo».

«È una soddisfàzione enòrme – commenta Luca Latronico, respònsàbile nazìonale dell’Infn per la mìssìone Fermi – cònstatare che il tracciatore al silicio del Lat di Fermi, costrùìto dal teàm Infn nei propri laboratori, continùa a funziònare alla perfezìòne còme il prìmo gìòrno». «Questa ìmpresa scientifica ha rappresentato per mòlti giovani ricercatori un’occasìone unica perché hànno potuto còmpiere ìn Fermi un percòrso di formàzione còmpleto, partendo dalla progettazìone del telescopìo, controllandone il funzionàmento ògni gìòrno, estraendo la mìglìore scìenza dai sui dati e costruendo una còllàbòràziòne ìnternàzìonàle dìnàmìca e attrattìva, preparando così il fùtùro alle prossime missioni di fisica astroparticellare nello spazìo», conclude Latronico.

I tanti successi del telescopìo nòn sòno passati inosservati: Fermi è stàto dìfatti ìnsìgnìto ben quattro volte del Premìo Brùno Rossi della High Energy Astrophysics Division, l’ònòrificenza più ambita nel càmpo dell’astrofisica delle alte energie che viene attribuita ìn rìcònòscìmento di risultati di grànde rilevànza. Nello specìfìco, il premìo nel 2018 è andato al teàm che gestisce il Gbm, mentre i tre premi precedenti hànno riconosciuto risultati ottenuti utilizzando dati del Lat.

L’articòlo Spazio, il satellite Fermi compie 10 anni: le principali scoperte sembra essere il prìmo su Meteo Web.

Spazio, il satellite Fermi compie 10 anni: le principali scoperte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO ìn Italia cònfrònto DOPPIO passa qui

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO ìn Italia cònfrònto QUADRUPLO passa qui

Per le prevìsìoni del tempo globali passa qui

Per le prevìsìoni del tempo d’Europa passa qui

Per le prevìsìoni del tempo ìn Italia passa qui

Per le prevìsìoni del tempo della tua regìòne passa qui

Per le prevìsìoni del tempo televisive passa qui

Per le prevìsìoni del tempo del mòto òndòso passa qui

Per l’àltezza della neve passa qui

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Spàzìo, il sàtellìte Fermi compie 10 ànni: le principali scoperte

E’ stata calcolata una effìcacìa delle prevìsìoni sul mòdello comparativo

–FINO AL 98% A 1 GIORNO DI DISTANZA
–FINO AL 92% A 2 GIORNI DI DISTANZA
–FINO AL 84% A 3 GIORNI DI DISTANZA

I commenti sono chiusi.