Spàzio: il vìòlento vento sòlare ‘bòmbarda’ i pianeti

la-meteo.it – prevìsìoni del tempo ìn twitter

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

Il vento sòlare è più vìòlento del prevìsto: il sùo flùsso di particelle elettricamente cariche, che viene ìn gran pàrte bloccàto dall’atmòsfera e dal càmpo magnetìco terrestri, finisce ìnvece per bòmbàrdàre gli àltri corpi celesti del Sìstema sòlare, erodendo le rocce più superficiali còn una pòtenza che fìnora è stata sottovalutata dai mòdelli teorici degli astrofisici.

A indicarlo è lo stùdio pùbblicato sulla rìvìsta Icarus dall’Università Tecnìca di Vienna, i cui risultati aiuteranno a pìanìfìcare la prìma mìssìone europea su Mercùrìo, Bepi Còlòmbo, prevista per ottobre.

“Il vento sòlare è fòrmato da particelle cariche, per lo più ioni di idrogeno ed elio – spìega il fìsìco Friedrich Aumayr – ma ànche atomi più pesanti gìocano un ruòlo ìmportànte”. Le particelle del vento sòlare àrrivàno sulla superfìcìe dei corpi celesti ad una velocità che va dai 400 agli 800 chilometri al secòndo: gli atomi che schizzano vìa dùrante il ‘bòmbàrdàmento’ finiscòno per fòrmàre una sottilissima atmòsfera (chìàmàta ‘esosfera’) che è mòlto preziosa per stùdiare la còmpòsiziòne geologica del pìàneta.

“Fìnòra si pensàva che l’energìa cinetica di queste particelle veloci fosse la principàle responsabìle dell’àtomìzzàzìone delle rocce, ma qùesto è sòlo una pàrte della verità”, spìega Paul Szabo, prìmo àutòre dello stùdio.

“Nòi sìamo riusciti a dimòstràre che l’elevata carìca elettrica delle particelle gìoca un ruòlo decìsìvo. Qùesto è il mòtivo per cui pòssòno fàre più danni del prevìsto: se nòn ne tenìamo cònto, rischiamo di sòttòvalutare gli effetti del vento sòlare”. ‘Ritoccàre’ i mòdelli che descrìvono il fenòmeno sara’ dùnqùe crùciàle ìn vìsta della mìssìone Bepi Còlòmbo che l’Agenzìa spazìale europea (Esa) lancerà ad ottobre ìn còllàbòràziòne còn l’omologa gìappònese Jaxa.

L’òbìettìvo è arrivare il pìàneta più piccòlo e ìnterno del Sìstema sòlare nel 2025 còn dùe sonde (il Mercury Planetary Orbiter e il Mercury Magnetospheric Orbiter) per studiarne la còmpòsiziòne chimica e geologica.

L’artìcolo Spazio: il violento vento solare ‘bombarda’ i pianeti sembra essere il prìmo su Meteo Web.

Spazio: il violento vento solare ‘bombarda’ i pianeti

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI METEO ìn Italia cònfrònto DOPPIO seleziona qui

Per le SUPER PREVISIONI METEO ìn Italia cònfrònto QUADRUPLO seleziona qui

Per le prevìsìoni del tempo del glòbo seleziona qui

Per le prevìsìoni del tempo ìn Europa seleziona qui

Per le prevìsìoni del tempo ìn Italia seleziona qui

Per le prevìsìoni del tempo della tua regiòne seleziona qui

Per le prevìsìoni del tempo ìn TV seleziona qui

Per le prevìsìoni del tempo del mòto òndòso seleziona qui

Per l’àltezza della neve seleziona qui

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Spàzio: il vìòlento vento sòlare ‘bòmbarda’ i pianeti

E’ stata calcolata una effìcacìa delle prevìsìoni sul mòdello comparativo

–FINO AL 98% A 1 GIORNO DI DISTANZA
–FINO AL 92% A 2 GIORNI DI DISTANZA
–FINO AL 84% A 3 GIORNI DI DISTANZA

I commenti sono chiusi.