Tifone Maria : inondazioni e devastazione in Giappone, oltre 60 vittime [VIDEO]

Devastante attraversamento del tifone Maria su le coste asiatiche. Colpito il Giappone, aumentano le vittime.

 

Con il passare delle ore si aggrava il bilancio delle vittime in Giappone, colpito in pieno dal potente tifone Maria, tempesta tropicale formatasi nell’oceano Pacifico occidentale e che inaugura la stagione dei cicloni nel nostro emisfero.

Il tifone ha raggiunto rapidamente la categoria 5 sviluppando venti devastanti sino a 300 chilometri/h che non hanno risparmiato il Giappone del sud da laddove giungono notizie angosciose. Le piogge torrenziali e i venti agitati hanno colpito maggiormente le prefetture di Heime, Hiroshima e Okayama laddove ci sono 48 morti accertati e per lo meno altre 28 pensate vittime.  

Impressionante il video che arriva da Hiroshima :

 

La maggior parte di queste persone sono travolte da fiumi di acqua e fango, straripati a seguire delle piogge torrenziali. Altri hanno perso la vita per causa del crollo delle proprie case intanto che le frane. Una condizione di simile emergenza non si verificava da diversi decenni in queste regioni del Giappone.

Il prossimo obiettivo del tifone Maria potrebbe essere la Cina e in specifico Shanghai nelle prossime ore, quandanche pare perderà molta de la sua forza prima di sopraggiungere lo Stato cinese.

 

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI METEO dell’italia paragone DOPPIO clicca qua
Per le SUPER PREVISIONI METEO dell’italia paragone QUADRUPLO clicca qua
Per le previsioni meteo del globo clicca qua
Per le previsioni meteo in Europa clicca qua
Per le previsioni meteo dell’italia clicca qua
Per le previsioni meteo de la tua regione clicca qua
Per le previsioni meteo televisive clicca qua
Per le previsioni meteo del moto ondoso clicca qua
Per l’quota de la neve clicca qua

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

I commenti sono chiusi.