Ultim’ora: nubifragio su Palermo, strade a fiumi e condizione critica all’ospedale

Un brutale temporale ha colpito il palermitano tra il dopopranzo e la sera di oggi, per causa del altro peggioramento atmosferico che sta coinvolgendo con forte impeto la Sicilia, in specifico i versanti occidentali e del centro nelle ultime ore. 

La pioggia, caduta abbondante per diverse ore, ha mandato in blocco la città di Palermo e creato molti disagi e difficoltà anche nell’area decentrata del capoluogo. Allagamenti si segnalano in molte strade, come viale Michelangelo, corso Calatafimi e viale Lazio. Quasi impraticabile via Ugo La Malfa, registrati allagamenti anche in viale Regione Siciliana. La osservatorio meteo di Palermo Villagrazia ha superato i 93 millimetri di pioggia (dato di oggi). 

Condizione critica anche all’ospedale Buccheri La Ferla, laddove si è allagato il pronto soccorso. Diverse automobili sono rimaste bloccate al esternamente dell’ospedale e vengono segnalati certi malori. Anche qua, come in molti punti de la città, sono intervenuti i vigili del fuoco. 

Condizione difficile, come detto, anche nel resto de la zona, con esondazioni di corsi d’acqua, frane, smottamenti in molte regioni del territorio palermitano. 

Vi facciamo vedere certune immagini impressionanti che arrivano da Palermo. 



Fonte video: www.facebook.com/weathersicily

 

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO in Italia paragone DOPPIO seleziona qui
Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO in Italia paragone QUADRUPLO seleziona qui
Per le previsioni del tempo del pianeta seleziona qui
Per le previsioni del tempo d’Europa seleziona qui
Per le previsioni del tempo in Italia seleziona qui
Per le previsioni del tempo de la tua regione seleziona qui
Per le previsioni del tempo in TV seleziona qui
Per le previsioni del tempo del moto ondoso seleziona qui
Per l’altitudine de la neve seleziona qui

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*