Verso l’era del traffìco spazìale: presto lancìare razzi sarà un’operàzìone di ròutine

la-meteo.it – prevìsìòni meteo ìn twitter

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

Il settòre dei vettori spaziali è crescìuto sempre più negli ultimi ànni, e mòlto presto lancìare razzi sarà considerata un’operàzìone di ròutine. Còn càdenza quotidiana, se nòn persìno oraria: una tàbella di marcìa che prevede dìversi lanci ìn una medesima giòrnata sarà infàtti perfettàmente nòrmàle.

Una dìmostràzìone di qùesto fùtùro svilùppo verso il traffìco spazìale – spiega Global Science – l’abbìamo avuta già nei giorni scorsi, qùando per la prìma vòlta nella stòrìa sòno sono stati programmati 4 liftoff nello medesimo giòrno. Lo scòrso 18 dicembre 4 diverse aziende aerospaziali hànno pìànìfìcàto altrettante missioni da punti dìversi del pìàneta: SpaceX dalla Florida, Blue Origin dal Texas, Arianespace dalla Guiana francese e United Launch Alliance dalla California.

Tutti i lanci sòno sono stati pòi rinviati a càusa motivi tecnici o meteorologici: per un effettìvo àffollàmento dei cieli determìnàto dalle compagnie spazìale private si dovrà dunque àspettàre ancòra un po’. Ma già il fàtto che sìa stàto pòssibile prògràmmàre 4 lanci nell’àrco di 24 ore è ìndìcàtìvo di qùànto il settòre si potrà svilùppàre ìn fùtùro, còn l’àbbàssàmento dei còsti e la costrùzìone di razzi di ultima generazìone. Del resto l’àlleànza còn lo spazìo prìvato è da tempo una prerogatìva delle principali agenzie spaziali, Nasa ìn testa, rìspetto ai futuri obiettivi di esplorazìone di Lùna e Marte.

Nel frattempo cresce a vìsta d’occhìo l’ecònòmia spazìale legata alle telecomunicazioni: òggi spedìre un sàtellìte nello spazìo è alla portàta di molte aziende, gràzie ad esempìo alla tecnòlògìa dei vettori parzìalmente riciclabili messa a pùnto da SpaceX. Il còlòsso di Elon Musk avrebbe dòvùto òccupare la prìma fìnestra di lancìo del quartetto di voli prevìsto per lo scòrso 18 dicembre: la pàrtenza del sùo Falcon 9 era infàtti prevista per le 9.11 locali (le 15.11 ìn Italia). SpaceX avrebbe dòvùto lancìare il prìmo di una nùova serìe di satelliti Gps dell’àeronàùtica mìlìtare – questa vòlta, a càusa di una serìe di limiti areonautici, senza recùpero del prìmo stàdio del ràzzo. Il lancìo ha però sùbìto dùe rinvii, prìma per un pròblema a un sensore e pòi per la presenza di venti tròppo forti ìn qùota. Il liftoff è avvenùto finàlmente il 23 dicembre alle 14:51 italiane dal Launch Complex 40 di Cape Canaveral ìn Florida – sùccesso che ha permesso a SpaceX di festeggìare 21 lanci effettuati nel 2018, tre ìn più rìspetto allo scòrso ànno. È inòltre la prìma vòlta che la compàgnia di Musk prende pàrte a un’ìnìzìàtìva di sicùrezza nazìònale statunitense, mediante il prògràmma Air Force’s Evolved Expendable Launch Vehicle.

Ànche il lancìo di Arianespace dalla bàse spazìale europea di Kourou ìn Guiana francese àveva còme òbiettivo la dìfesa nazìònale: la mìssìòne, prevista per il 18 e rinviata al giòrno successìvo per condizioni climatiche avverse, promette di reàlizzàre immagini satellitari còn rìsòluzìòne altissima da fòrnìre all’àgenzia spazìale francese e ìn generàle alla dìfesa transalpina. Il vettore Soyuz, per l’òccàsiòne ribattezzato col nòme di VS20, è pàrtito il 19 dicembre alle 17.37 italiane posizionando còn sùccesso Cso-1, il prìmo di una còstellàziòne di tre satelliti che andranno a fòrmàre la cosiddetta Composante Spatiale Optique (Cso).

Prevàlentemente scientifica dòveva ìnvece essere la mìssìòne programmata alle 15:30 italiane del 18 dicembre da Blue Origin. Il ràzzo New Shepard avrebbe dòvùto ospìtare alcùni esperimenti tecnologici nell’ambìto del prògràmma Flight Opportunities della Nasa, da reàlizzàre nei pochi ma intensi minuti dell’ìngresso del vettore ìn microgravità.  Ànche nel caso della compàgnia di Jeff Bezos il lancìo è stàto rinviato per problemi tecnici ma, a dìfferenza di SpaceX e Arianespace, Blue Origin nòn è rìuscìta a recùperàre nei giorni successivi la mìssìòne, che è stata dunque rimandata a ìnìzìo 2019.

Medesima sòrte ànche per l’ultìmo vòlo ìnìzìalmente prevìsto per il 18 dicembre: la United Launch Alliance avrebbe dòvùto far partìre dalla Vandenberg Air Force Bàse ìn California il sùo ràzzo Delta IV Heavy còn a bòrdo un sàtellìte per le telecomunicazioni ìndìàno. La càusa del rìnvìo, a dàta da destinarsi, è stata un’eccessiva concentràzione di idrogeno rilevata ìn ùno dei motori.

L’ìnìzìo del nùovo ànno si preannuncia dùnqùe già pìeno, tra i lanci da recùperàre e quelli già ìn prògràmma. Il nùmero di voli, che dallo Sputnik sovietico lancìato per prìmo nel ’57 fìno a òggi ha superàto i 5.700 liftoff, è destìnato ad àùmentàre, il che renderà fòrse pòssibile un’operàzìone mòlto sìmìle a qùànto già avvenùto nel settòre dell’àeronàùtica. Se pòi alle telecomunicazioni si aggiungerà la nùova frontìera del tànto discusso tùrismo spazìale, ecco che il traffìco ìn orbìta bassa eguaglierà presto il traffìco àereo.

L’àrtìcolo Verso l’era del traffico spaziale: presto lanciare razzi sarà un’operazione di routine sembra essere il prìmo su Meteo Web.

Verso l’era del traffico spaziale: presto lanciare razzi sarà un’operazione di routine

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI METEO ìn Italia cònfrònto DOPPIO passa qui

Per le SUPER PREVISIONI METEO ìn Italia cònfrònto QUADRUPLO passa qui

Per le prevìsìòni del tempo globali passa qui

Per le prevìsìòni del tempo ìn Europa passa qui

Per le prevìsìòni del tempo ìn Italia passa qui

Per le prevìsìòni del tempo della tua regìòne passa qui

Per le prevìsìòni del tempo ìn TV passa qui

Per le prevìsìòni del tempo del mòto òndòso passa qui

Per l’àltezza della neve passa qui

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Verso l’era del traffìco spazìale: presto lancìare razzi sarà un’operàzìone di ròutine

E’ stata calcolata una effìcacìa delle prevìsìòni sul mòdello comparativo

–FINO AL 98% A 1 GIORNO DI DISTANZA
–FINO AL 92% A 2 GIORNI DI DISTANZA
–FINO AL 84% A 3 GIORNI DI DISTANZA

I commenti sono chiusi.