Via i cirri e la nuvolaglia, parte la cumulogenesi: nubifragi acquazzoni in agguato

Quandanche l’aria in quota è fredda e ci sarebbero le situazioni per lo sviluppo di piogge e nubifragi acquazzoni, basta la presenza di una presenza di nuvole spessore cumuliforme o cirriforme insistente fra la mattina ed il primo nel primo pomeriggio per inibire la ingrandimento delle nubi cumuliformi e ritardare o addirittura annullare lo sviluppo dei nubifragi acquazzoni.

Questo è capitato intanto che le ultime 36 ore nel momento nella quale il vortice depressionario depressionario era più attivo e costruiva presenza di nuvole e corpi coperto di nuvoli su molti livelli; ora paradossalmente, giusto quando la sua azione sta cominciando a svenire, i cieli si puliscono ma l’aria ancora molto fresca in quota finisce per generare cumuli a sviluppo perpendicolare, che sfruttano l’intensa radiazione solare diretta per trasformarsi in cumulonembi ed originare nubifragi acquazzoni a macchia di leopardo, localmente anche grandinigeni, come spesso avviene in questi casi.

In questo frangente i cieli si sono lavati e i cumuli stanno popolando i cieli di molte aree, particolarmente questi del centro, del nord-est e de la Lombardia: a breve si sperimenteranno anche i primi nubifragi acquazzoni…

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO dell’italia paragone DOPPIO seleziona qui
Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO dell’italia paragone QUADRUPLO seleziona qui
Per le previsioni del tempo del globo seleziona qui
Per le previsioni del tempo d’Europa seleziona qui
Per le previsioni del tempo dell’italia seleziona qui
Per le previsioni del tempo de la tua regione seleziona qui
Per le previsioni del tempo televisive seleziona qui
Per le previsioni del tempo del moto ondoso seleziona qui
Per l’altitudine de la neve seleziona qui

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

I commenti sono chiusi.